Ventiquattresima giornata:l'Europa in vista

Si sente già la musica e il clima dell'Europa che chiama potente e arriva squillante a sconvolgere piani e calendari della serie A. La ventiquattresima giornata infatti si aprirà questa sera alle 20:45 con il Napoli che sarà impegnato contro il Genoa in casa.

Martedì gli azzurri saranno chiamati al Bernabeu a giocarsi la prima parte dell'ottavo di finale di Champions League, ma Sarri non vuol sentir parlare di questa sfida. Prima c'è il match contro i rossoblu che non si può sbagliare. Callejon sarà l'unico squalificato in casa partenopea(e si preparerà ad affrontare i suoi ex compagni); ma pronto sarà Mertens in gol 3 volte contro il Bologna, Hamsik che ha fatto altrettanto e forse anche Milik che potrebbe trovare spazio, se non dall'inizio, almeno a partita in corso. All'andata la gara terminò con un pareggio molto discusso nel quale però il Genoa mise in mostra un'organizzazione difensiva che i partenopei non scalfirono. Ma la forma offensiva di questo periodo mette tutti sull'allerta. La Juve avrà una settimana in più per preparare la sfida contro il Porto; e intanto se la dovrà vedere con il Cagliari in Sardegna. Negli ultimi anni il Sant'Elia è stato terra di conquista per i bianconeri, ma quest'anno è stato un campo ostico per quasi tutte(ad eccezione del Napoli che stravinse per 5-0).
Allegri non sembra voler cambiare, forte di una squadra che sta dando garanzie e buon gioco; e così dovrebbe confermare il 4-2-3-1, ma con una variazione: chissà se durante la partita Mandzukic potrebbe nuovamente accentrarsi vicino a Higuain come successo a Crotone. La Roma se la vedrà in settimana con il Villareal per l'Europa League(ma la sfida per qualità in campo, ha poco da invidiare alla coppa dalle grandi orecchie). Ma domenica ci sarà la trasferta di Crotone che non è una semplice formalità. La partita con la Juve lo ha dimostrato: il Crotone, pur senza grandi mezzi tecnici, si chiude a riccio e non è semplice scardinare l'attenta difesa. Bisognerà giocare velocemente e puntare sugli uno contro uno sulle fasce. Una specialità di Salah che, tornato dalla coppa d'Africa, può essere subito titolare. Con lui Spalletti potrebbe rispolverare la difesa a 4 e i tre trequartisti puri alle spalle del capocannoniere Dzeko. Dall'altra parte attenzione all'ex Stoian che in campo aperto può mettere in difficoltà anche un difesa attenta come quella giallorossa.
Scenderà invece decimata a San Siro l'Inter. Pioli per la sfida contro l'Empoli dovrà fare a meno di Icardi e Persic squalificati(ma la società farà ricorso per veder abbuonata almeno una giornata), e Brozovic infortunato. Le polemiche dopo la partita contro la Juve sono state molte ingiustificate e feroci, da una parte e dall'altra. L'importante però è ritrovare il successo per far ripartire la rincorsa a un posto in Champions. Spazio a Eder e Palacio in avanti, allertato Pinamonti dalla primavera, non sarà ancora il momento di Gabigol. Almeno non dall'inizio. Non se la passa meglio in quanto a giocatori disponibili il Milan che in vista del posticipo contro la Lazio vede allungarsi pericolosamente la lista di titolari che non potranno scendere in campo. Romagnoli, Paletta e De Sciglio non ci saranno in difesa(al loro posto Zapata, Gomez e Vangioni), Kucka sarà squalificato a centrocampo e Bonaventura ha finito la stagione. Montella si affiderò allora a Suso, Deulofeu e Pasalic: in particolare agli ultimi due che hanno risolto la sfida contro il Bologna nel finale(quando i rossoneri hanno vinto pur ridotti in 9). L'entusiasmo per l'ultima vittoria potrebbe essere un ottimo carburante; anche se c'è di fronte una Lazio che è in grande fiducia. L'uomo del momento è Parolo che promette altri gol e con Keita recuperato, Inzaghi può contare sulla sua rosa al completo praticamente. C'è da riscattare la brutta sconfitta dell'andata e i biancocelesti hanno le carte in regola per farlo.
A Genova le ultime due squadre affrontate dal Milan si sfidano: c'è Samp-Bologna. I felsinei sono reduci da una settimana da incubo con la sconfitta per 7-1 subita dal Napoli e quella in 11 contro 9 subita dal Milan appunto. I tifosi chiedono una scossa e chiedono i gol a Mattia Destro. E chissà che stare lontano da un Dall'Ara infuocato non possa giocare. Muriel è invece l'uomo più in forma della truppa di Giampaolo(6  punti in due gare contro Roma e Milan) e al suo fianco il ballottaggio è tra Schick e Quagliarella con l'azzurro favorito. Chi non è stata risparmiata da critiche aspre è la Fiorentina reduce dai 4 gol presi a Roma. Sousa ha poche giustificazioni e deve subito riscattarsi in casa con l'Udinese. L'Atalanta va a Palermo contro i ritrovati(apparentemente) rosanero di Lopez, e il Sassuolo giocherà in casa contro il Chievo e chiuderanno il turno.

Le partite

Napoli-Genoa ven.20:45
Fiorentina-Udinese sab.20:45
Crotone-Roma dom.12:30
Inter-Empoli dom.15:00
Palermo-Atalanta
Sassuolo-Chievo
Torino Pescara
Sampdoria-Bologna
Cagliari-Juventus dom.20:45
Lazio-Milan lun 20:45