Questo Napoli non basta: pari con la Dinamo e fischi del San Paolo

Vista per voi

A causa della clamorosa rimonta del Besiktas contro il Benfica l'antipasto di Champions era andato indigesto al Napoli che pensava già di assicurarsi, in caso di vittoria, il passaggio del turno. E il risultato inaspettato ha influito sulla prestazione degli uomini di Sarri rendendoli più ansiosi e maggiormente inclini all'errore.

Con Diawara ormai titolare fisso a centrocampo, le uniche novità rispetto a Udine sono state Zielinski a centrocampo e il prezioso rientro di Raul Albiol in difesa. E gli azzurri sin da subito hanno tentato di arrivare al cuore della difesa ucraina con veloci ripartenze: con la difesa della Dinamo le verticalizzazioni improvvise dei centrocampisti hanno spesso trovato Mertens e Insigne liberi con tanto campo davanti a sé: ma i due folletti partenopei non sono mai riusciti ad andare al tiro o bloccati in uscita disperata dal portiere Rudkho, o traditi da una zolla di terreno.
Così il più pericoloso è diventato Hamsik che a cavallo dei due tempi ha provato in diverse circostanze a centrare la porta, ma senza successo. I ritmi bassi e il pressing poco continuo non hanno aiutato il Napoli che si affida a sporadiche iniziative sulle fasce. Su una Khacheridi è fenomenale nell'anticipare Callejon a un passo da gol. Poi ancora Insigne ci ha provato da fuori area, facendo infuriare Callejon meglio posizionato. In mezzo la Dinamo Kiev ci ha provato con generosità consapevole del fatto che un pareggio non sarebbe servito a nulla. L'ingresso di Gabbiadini ha portato peso in avanti con l'attaccante che prova due volte con il suo mancino ma senza fortuna. Alla fine la mesta colonna sonora che segue il fiscbio del direttore di gara sono i fischi del San Paolo. Nulla di tragico: Maurizio Sarri ammetterà a fine partita che il pareggio in terra turca ha influenzato negativamente i suoi a cui a quel punto cambiava poco il pareggio o la vittoria.
Ed effettivamente in classifica poco sarebbe cambiato; ora serve almeno pareggiare a Lisbona contro il Benfica, con una vittoria si arriverebbe al primo posto. Ma servirà un altro Napoli certamente.

Tabellino e pagelle

Napoli 0-0 Dinamo Kiev
Napoli(4-3-3): Reina 6; Hysai 6, Raul Albiol 6,5, Koulibaly 6,5, Ghoulam 5,5; Zielinski 6(78' Allan s.v.), Diawara 5,5, Hamsik 6,5; Callejon 6, Mertens 5,5(86' Giaccherini s.v.), Insigne 5(67' Gabbiadini 6); Sarri 5,5
Dinamo Kiev(4-2-3-1): Rudkho 7; Morozyuk 5,5, Khacheridi 6,5, Vida 6, Makerenki 6; Sydorchuk 5,5(66' Orykovishy 5,5), Rybalka 6; Yarmolenko 5,5, Garmash 5,5, Tsyganov 5,5(60' Gonazalez 6); Besedin 5,5(81' Junior Moraes s.v.); Rebrov 5,5