Napoli: il super attacco ora è un rebus

Dopo ventuno giornate di campionato è successo quello che nessuno si aspettava a Castel Volturno: questo Napoli è stato capace di segnare ben 47 reti, due in più dell'anno scorso. Eppure qualcosa sembrava cambiato, sì, ma in peggio con la cessione di Higuain alla Juve. Il bomber da 36 gol sembrava insostituibile, e probabilmente come singolo giocatore lo è, visti anche i numeri di questa stagione, ma mister Sarri ha saputo far fronte alla sua assenza e a quella di Milik col bel gioco.
Un gioco emozionante e vincente, grazie alla novità Mertens come falso nove; piano piano il belga si è calato nel ruolo e adesso la macchina da gol partenopea è quasi perfetta: segna lui, si è ormai sbloccato Insigne, segna Callejon e va per la doppia cifra anche Marek Hamsik che gode di maggiore spazio d'inserimento senza attaccante di ruolo. E così hanno stupito il capionato fino ad oggi. Ma qualcosa sta cambiando di nuovo, perché ora le punte ci sono eccome. Milik è praticamente pronto a tornare in campo, Pavoletti è già a Napoli da qualche giorno e la cessione di Gabbiadini non è ancora decollata.
Da zero a tre in un attimo. La domanda ovvia è come sarà il Napoli del girone di ritorno? La questione è vitale per i fantallenatori che devono pianificare il futuro. Sebbene il tridente leggero abbia fatto tanto bene, sarà difficile non dare l'opportunità al giovane polacco che sembrava aver sostituito tanto bene Higuain nelle prime giornate di campionato. Pavoletti ha un ruolo da terzo incomodo difficile da definire: possibile che AdL lo abbia preso solo per vederlo come vice Milik? L'attaccante livornese è un vero talento, e un prezioso patrimonio per il nostro calcio tanto che nessuno vorrebbe vederlo nelle vesti di nuovo Gabbiadini.
Manolo è un altro rebus ancora: sembra che la dirigenza pretenda troppo a livello economico, e l'agente Pagliari ha poco fa dichiarato che se la domanda non scende intorno ai 16-18 milioni l'attaccante potrebbe non trovare una squadra. Eventualità che il Napoli deve scongiurare e non farebbe bene al ragazzo, ormai completamente fuori dal pianeta Napoli.
Ancora pochi giorni di mercato e sapremo l'esito, mentre scoprire come ha in mente Sarri di far giocare il Napoli 2.0 è ancora un mistero affascinante.

A cura di Gabriele Santese