Ancora Tonelli goleador e il Napoli vola

Vista per voi

Basta un'accelerata al Napoli per portarsi a casa la sfida contro il Pescara. E ancora hna volta il protagonista è Lorenzo Tonelli che conferma le sue abilità anche in zona gol(quasi più efficace davanti).

Oddo parte con un 3-5-2 con due tornanti adattati, cioè Benali e Verre che però si sacrificano molto. Sarri invece conferma Tonelli al centro della difesa in coppia con Albiol mentre Pavoletti si accomoda in panchina. L'inizio degli ospiti è sorprendente: i biancoazzurri pressano alto e non lasciano ragionare i partenopei. La voglia degli abruzzesi consente il recupero di alcune palle sulla trequarti campo avversaria. Ma di contro gli spazi che si aprono portano prima Insigne e poi Hamsik al tiro, che finisce di poco a lato.
Il Pescara allora preferisce un atteggiamento più prudente limitandosi a chiudere gli spazi centrali e, appena riconquistata palla, a verticalizzare per Gilardino o Caprari. La maggiore qualità degli uomini di Sarri si vede solamente in pochi frangenti, ma il Napoli non riesce mai ad arrivare al tiro pericoloso: i tentativi che vanno vicino alla rete sono quelli di Callejon che taglia alle spalle della difesa come al solito. Dall'altra parte del campo si arrabbia Sarri quando, sul finire del primo tempo, Tonelli e Jorginho perdono una palla sanguinosa sulla trequarti rimediando in maniera maldestra. Ma proprio i due fanno dimenticare tutto a inizio secondo tempo: punizione dell'italo-brasiliano e stacco di testa del centrale alla seconda presenza col Napoli e al secondo centro consecutivo: una media da attaccante. E qui gli azzurri dilagano con Hamsik che fredda nuovamente Bizzarri con una pregevole volèe su assist spledido di Zielinski. Col risultato al sicuro il Napoli abbassa nuovamente i ritmi, accontentandosi della potente accelerata. Entra anche Allan per equilibrare al meglio la squadra; ma l'occasione più ghiotta capita a Gilardino che non sfrutta un involontario assist di Strinic. La partita però scivola via senza altri scossoni fino ai minuti finali. Dove ci sono ben 2 gol: prima Mertens dopo aver cercato e sfiorato il gol in tante occasioni a calare il tris su assist proprio di Allan; poi proprio allo scadere Caprari trasforma un rigore concesso per atterramento in area di Benali.
Ma la sostanza del match cambia poco perché il Napoli comincia col piede giusto il girone di ritorno e raccoglie 16 nelle ultime 6 partite. La squadra gira, e ora rimangono altre 18 partite per stupire.

Tabellino e pagelle

Napoli 3-1 Pescara: 47' Tonelli, 49' Hamsik, 86' Mertens, 93' Caprari
Napoli(4-3-3): Reina 6; Hysai 6,5, Tonelli 6,5, Raul Albiol 6, Strinic 6; Zielinski 7, Jorginho 6,5, Hamsik 6,5; Callejon 6, Mertens 7, Insigne 6; Sarri 6,5
Pescara(3-5-2): Bizzarri 6,5; Crescenzi 6, Zuparic 5,5, Coda 5,5; Benali 6,5, Cristante 6, Bruno 6, Memushai 5,5, Verre 5,5; Gilardino 5,5, Caprari 6; Oddo 6