Champions League: sorridono le italiane. Bayern, City e Real perdono punti

Otto gol in due partite. Questo è il risultato delle due sfide delle squadre italiane in Champions. Juventus e Napoli sono le squadre che hanno più convinto nel secondo turno di coppa e procedono spedite nel loro cammino, in Italia come in Europa.


I partenopei hanno surclassato il Benfica. Il San Paolo era un catino ribollente di passione e i tifosi hanno spinto i loro beniamini a una prestazione sorprendente per intensità e qualità. Il primo quarto d'ora della ripresa è stato da incorniciare con le reti di Mertens e Milik a scavare un solco incolmabile, che ha concesso un prematuro rilassamento agli azzurri e un ritorno dei portoghesi.

Ma il 4-2 finale è un risultato meritato e ottenuto grazie a un gruppo che gioca a memoria e in cui i nuovi possono integrarsi bene(oltre a Milik, è arrivato il momento di Maksimovic che è entrato bene, pur a freddo, su Raul Albiol). E il Napoli può allargare il sorriso visto che Besiktas e Dinamo Kiev pareggiano in Turchia e allunga in classifica: dal suo primato, a sei punti, la seconda dista ben quattro lunghezze. La Juventus aveva un impegno più abbordabile certo, ma liquidato in maniera autorevole e con un largo risultato. Il match contro la Dinamo Zagabria era stato risolto già nel primo tempo con le reti di Pjanic e Higuain(su assist del bosniaco); i gol di Dybala e Dani Alves hanno solo completato la goleada bianconera. Juve che si trova in testa alla classifica del proprio raggruppamento perché il Siviglia ha battuto il Lione per 1-0 confermandosi la rivale più temibile.

Ma ci sono state grandi sfide in giro per l'Europa in questo turno. Ancelotti deve interrompere la sua striscia vincente al Vincente Calderon di Madrid. L'Atletico passa nel primo tempo con Ferreira Carrasco e spreca nel finale: Griezmann come nella finale dello scorso anno prende la traversa. Ma la sostanza non muta: Atletico primo a punteggio pieno e Bayern costretto, sorprendentemente a inseguire. Anche Guardiola deve lasciare dei punti per strada. A Glasgow, nella tana del Celtic, il City rimonta per tre volte lo svantaggio: sugli scudi Dembele che realizza una doppietta, mentre Sterling(che commette anche un autogol), Fernandinho e Nolito rimettono in corsa gli inglesi in un 3-3 finale ricco di emozioni.

Ne approfitta il Barcellona che rimonta a Monchenglabach. Senza Messi infortunato, i blaugrana faticano per un tempo e vanno sotto, ma i gol di Arda Turan e Pique ribaltano il match. Spettacolo anche al Signal Iduna Park dove Borussia Dortmund e Real Madrid giocano una partita spettacolare senza esclusione di colpi che termina con un giusto 2-2. Sorprende ancora il Leicester di Ranieri che batte il Porto per 1-0 e si porta in testa a punteggio pieno, mentre PSG e Arsenal riescono a vincere contro Ludogorets e Basilea. Insomma, una Champions sempre più equilibrata e spettacolare.