Euro 2016, al via i quarti con sfide epiche e inedite

Due giorni sono serviti a prendere fiato, ma non a disperdere l'adrenalina incamerara fino a questo punto. E ora bisogna fare un bel respiro e andare in apnea: cominciano i quarti e si arriva nella fase calda dell'Europeo. Oltre che le nazionali presenti stupiscono le assenze: Spagna e Inghilterra sono state infatti prematuramente eliminate. I campioni d'Europa in carica vengono surclassati dall'Italia, mentre gli inglesi sono accompagnati all'uscita dall'incredibile voglia di sognare della favola Islanda.

Ma nonostante ciò al gran ballo non mancano invitati d'eccezione e pronti a decidere le sorti delle partite. Così sarà in Polonia-Portogallo, sfida che aprirà la serie dei quarti di finale. Per un Cristiano Ronaldo lucente solo a sprazzi, c'è un Lewandoski che deve sbloccarsi necessariamente. Loro possono guidare le rispettive nazionali al successo, ma attenzione anche ad altri protagonisti inaspettati, come Quaresma negli ottavi, per rompere un equilibrio che però sembra totale. Galles-
Belgio è una sfida interessante tra una squadra, quella britannica, sospinta dal pubblico e da un eccezionale Bale, al miglior risultato della loro storia ad un Europeo e i diavoli rossi, travolgenti contro l'Ungheria, forti di un attacco incensato da tutti, ma altalenanti. Nell'altra parte del tabellone, completamente inedita la sfida tra Francia e Islanda. I padroni di casa dovranno necessariamente fare qualcosa di più rispetto ai gironi e agli ottavi, se vogliono superare la vera sorpresa di questo Europeo. In attesa di Pogba, c'è Griezmann che contende a Payet lo scettro di miglior giocatore transalpino e vuole portare la propria nazionale in semifinale. Ma gli avversari sono arrivati in Francia in massa con tutti i loro straordinari tifosi e di tornare a casa, non ne vogliono proprio sapere. Chi passa in semifinale troverà una tra Italia e Germania. Ennesimo scontro tra due potenze del calcio mondiale. Low è sicuro della sua squadra, Conte deve leccarsi le ferite. Tutti abili e arruolabili i tedeschi che punteranno ancora una volta su uno straordinario Draxler e un gioco che unisce il dominio nel possesso palla e l'efficacia offensiva(cosa che è mancata alla Spagna). L'Italia, pur con qualche defezione proverà nuovamente a gettare il cuore oltre l'ostacolo. Sarà molto difficile, ma bisogna provarci.


seguiteci anche su facebook In contropiede